Skip Navigation LinksHome Dettaglio Editoriale








Statistiche

Accessi: 5213091
Oggi: 545
Utenti online: 82

San Francesco di Paola

Il Santo Patrono della Calabria e dei Marinai

Francesco da Paola nacque, col nome di Francesco Martolilla, in località Terravecchia di Paola il 27 marzo 1416 nella umile famiglia di Giacomo Martolilla e Vienna da Fuscaldo . Questi, trovandosi senza figli in età ormai non più giovane, decisero di chiedere la grazia a San Francesco d’Assisi, il quale concesse loro la gioia del primogenito non molto tempo dopo: chiamare il bimbo Francesco fu la logica conseguenza della grazia ricevuta dai due neo-genitori, particolarmente religiosi.

Nella sua pia famiglia Francesco venne educato sin da subito al rispetto dei dettami del Cristianesimo e delle tradizioni religiose, un’educazione che avrebbe inciso profondamente sulla sua vita futura. A turbare la sua crescita vi fu una brutta infezione agli occhi che indusse nuovamente Giacomo e Vienna a chiedere l’aiuto divino di San Francesco promettendo, in caso di un felice decorso dell’infezione, di mandare il loro bambino a compiere un anno di ‘famulato’ presso il convento dei frati francescani di San Marco Argentano.

Francesco guarì dalla malattia perfettamente ed in poco tempo, e decise di onorare la promessa fatta dai genitori qualche anno dopo: i dodici mesi a stretto contatto con la vita monastica ne misero in risalto il profondo senso religioso e le doti spirituali, che sarebbero state poi suggellate da un pellegrinaggio nei principali luoghi di preghiera del Centro Italia, tra cui Assisi. Tornato dal viaggio, Francesco si ritirò presso una grotta lungo il corso del torrente Isca, dove visse una vita eremitica in preghiera e penitenza. Dopo l’iniziale sorpresa dei cittadini di Paola, furono molti quelli che vollero seguire le sue orme: l’Ordine dei Minimi, benché ancora non ufficialmente riconosciuto, era appena stato fondato.

La santità di Francesco Martolilla da Paola venne ulteriormente sottolineata dall’approvazione diocesana che concesse all’ordine Monsignor Caracciolo, Arcivescovo di Cosenza, nel 1452: fu così possibile edificare un monastero con annessi chiesa ed oratorio, alla cui costruzione parteciparono tutti, popolani e nobili del luogo con eguali mansioni. Già questo fu un piccolo miracolo, ma a colui che sarebbe divenuto San Francesco di Paola sono attribuiti anche altri prodigi.

I miracoli di San Francesco di Paola sono molti e vanno dalla guarigione immediata di gravi ammalati sino alle profezie (come la previsione del futuro pontificato di Papa Leone X quando quest’ultimo era poco più che un bambino). Un famoso prodigio fu anche l’aver fatto sgorgare l’acqua dalla fonte oggi detta della “Cucchiarella”, colpendo la pietra con il suo bastone, così come l’aver fermato due grossi massi che stavano per cadere sul monastero e l’attraversamento dello Stretto di Messina sul suo mantello. Questo miracolo, resosi necessario a causa del rifiuto di un traghettatore, lo ha reso il Santo Protettore della gente di mare.

La fama del Patriarca Paolano giunse anche a Roma, dove Papa Paolo II invitò i fedeli a recarsi presso il monastero del frate concedendovi l’indulgenza plenaria ed il suo successore, Papa Sisto IV, riconobbe ufficialmente l’Ordine dei Minimi (tale denominazione sarà però approvata da Alessandro VI). Francesco, nonostante la sua notorietà si stesse espandendo a macchia d’olio, rimase sempre umile ed attento ai più bisognosi. Nel 1472 si trasferì a Paterno Calabro per continuare a dedicarsi ai poveri ed agli emarginati, conducendo un’esistenza ritirata, votata alla preghiera ed alla carità.

Probabilmente Francesco avrebbe voluto rimanervi per sempre, ma le cose stavano per cambiare nella sua vita: il Re di Francia Luigi XI, gravemente ammalato, lo fece convocare nel suo castello di Plessis les Tours perché lo guarisse, ma il Santo Taumaturgo di Paola non accolse l’invito. Per convincere San Francesco ci volle tutta la costanza e la forza diplomatica non solo del Re Francese ma anche di Ferdinando I Re di Napoli e del Pontefice Sisto IV. Nel 1483, infine, Francesco decise di partire alla volta della Francia.

Alla corte del Re di Francia San Francesco rimase ben 25 anni: non guarì dal male Luigi XI, ma accrebbe notevolmente la sua fama di taumaturgo con il suo esempio, dando vita di fatto alla diffusione della Regola dei Minimi nel mondo. Migliaia di persone, dagli umili ai docenti dell’Università Sorbona, rimasero affascinate dal suo carisma e dalla sua fede, tanto che né Carlo VIII né Luigi XII, i successori del Sovrano di Francia, concessero a Francesco di ritornare in Calabria come questi chiedeva.

Morì quindi a Tours il 2 aprile 1507, un anno dopo che Papa Giulio II aveva approvato le regole dei tre ordini dei Minimi (per frati, suore e laici) che comportarono il passaggio ad una vita di comunità (il cosiddetto cenobitismo) in contrapposizione all’isolamento dei primi anni (eremitismo).

Francesco Martolilla da Paola venne canonizzato il primo maggio del 1519 da Papa Leone X (che, come dicevamo, aveva avuto modo di conoscerlo in tenera età) con il nome di San Francesco di Paola. In Calabria, tuttavia, la notizia giunse solo tre giorni più tardi: è per questo che la festa di San Francesco si tiene dal primo al 4 di maggio di ogni anno nel Santuario a Lui dedicato ed in tutte le Chiese, in Italia e nel mondo, che portano il suo nome.

Altri Articoli
Presepe vivente 2016 "Un Uomo,Una Stella"
Trekking in Calabria
Carnevale in Calabria
Natale in Calabria
Dolci di Natale in Calabria
Gioacchino Murat in Calabria
Bernardino Telesio: padre della filosofia moderna
MAB
Chiese di Calabria
Magna Grecia in Calabria
Il Peperoncino calabrese
Festival del Peperoncino di Diamante 2009
Mare in Calabria
Organizzare una vacanza in Calabria: facile con MobItaly
Magna Grecia Film Festival 2009 – Festa del Cinema in Calabria
Il Treno Natura: un trenino a vapore nel Parco Nazionale della Sila
Calabria: noi ci mettiamo il cuore…e qualcosa in più
Costa Ionica Calabrese: mare cristallino, spiagge e Storia
Spiagge tirreniche e turismo balneare in Calabria
Diari di viaggio in Calabria e viaggiatori stranieri del passato
Parchi Naturali Calabresi ed Oasi Naturalistiche in Calabria
Dolci Pasquali in Calabria
Tradizioni Pasquali in Calabria
Prodotti tipici calabresi
Costumi tradizionali arbereshe
Musica popolare in Calabria
Location cinematografiche calabresi e cineturismo in Calabria
Vini in Calabria
Località sciistiche calabresi
Rafting in Calabria nelle Gole del Raganello
I castelli della Calabria
Tradizioni Arbëreshe
I Bronzi di Riace
La riviera dei cedri
I Giganti della Sila
La Cipolla Rossa di Tropea
Paleariza festival
MobItaly: Turismo in Calabria
TD Group Italia S.r.l.
Citypost SpA Soluzioni per il mondo postale
Hotel La Principessa
Hotel Barbieri
Club Residence Capopiccolo
Hotel Eurolido