Skip Navigation LinksHome Dettaglio Editoriale








Statistiche

Accessi: 4843288
Oggi: 1235
Utenti online: 35

I castelli della Calabria

Un viaggio alla scoperta di antiche opere calabresi

Sono ben 24 i castelli che disegnano lo "skyline" della regione calabrese, compresi soprattutto nei territori di Reggio Calabria, Vibo Valenzia, Crotone, Cosenza e Catanzaro. Possono esser suddivisi in quattro grandi tipologie in base all'età di appartenenza e quindi troveremo lungo la nostra strada: castelli angioni, aragonesi, svevi, normanni. Tutti questi castelli hanno il comune denominatore di rifarsi al castrum dei romani. Con i castelli normanni, arrivati in Calabria circa nel 1050, si inizia una vera e propria opera di fortificazione della regione visto che i normanni furono i primi ad introdurre il sistema feudale sia dal punto di vista economico che sociale. I principali castelli dell'epoca sono: Abatemarco, Altomonte, Amendolara, Cirella, Fiumefreddo Bruzio, Malvito, Montalto Uffugo, Morano Calabro, Paola, Praia a Mare, Rende, San Lorenzo del Vallo, San Nicola Arcella, San Lucido, Scalea, Torre Normanna o dei Pallotta ad Altomonte, Villapiana, Maida-Taverna. I castelli svevi si devono all'imponente sviluppo che ne ha voluto fare il grande signore Federico II e sono: Amantea, Cassano allo Ionio, Cosenza, Nocara, Oriolo, Policastrello, Rocca Imperiale, Roseto Capo Spulico, Saracena. La dominazione sveva finisce con l?arrivo di Carlo D'Angiò nel 1266 che come prima cosa decide di dar vita ad una nuova opera di fortificazione della regione. I castelli che si fanno risalire alla sua dominazione in Calabria, sono: Belmonte, Cleto, Laino Borgo, Savuto di Cleto e Sangineto. A titolo esemplificativo ed altamente rappresentativo, la costruzione aragonese fortificata più importante è sicuramente il castello di Reggio calabria che assieme ai bronzi di Riace è uno dei due monumenti più importanti della regione ed è attualmente sede dell'osservatorio dell'istituto nazionale di Geofisica. Nonostante il nome di "aragonese", il castello è frutto oggi di una serie di straordinarie stratificazioni che lo fanno risalire addirittura all'epoca di Giustiniano I.
Proverbio: I sordi puatu fare l'ùamu riccu, no signore. (I soldi possono far l'uomo ricco, non signore)

Altri Articoli
Presepe vivente 2016 "Un Uomo,Una Stella"
Trekking in Calabria
Carnevale in Calabria
Natale in Calabria
Dolci di Natale in Calabria
Gioacchino Murat in Calabria
Bernardino Telesio: padre della filosofia moderna
MAB
Chiese di Calabria
Magna Grecia in Calabria
Il Peperoncino calabrese
Festival del Peperoncino di Diamante 2009
Mare in Calabria
Organizzare una vacanza in Calabria: facile con MobItaly
Magna Grecia Film Festival 2009 – Festa del Cinema in Calabria
Il Treno Natura: un trenino a vapore nel Parco Nazionale della Sila
Calabria: noi ci mettiamo il cuore…e qualcosa in più
San Francesco di Paola
Costa Ionica Calabrese: mare cristallino, spiagge e Storia
Spiagge tirreniche e turismo balneare in Calabria
Diari di viaggio in Calabria e viaggiatori stranieri del passato
Parchi Naturali Calabresi ed Oasi Naturalistiche in Calabria
Dolci Pasquali in Calabria
Tradizioni Pasquali in Calabria
Prodotti tipici calabresi
Costumi tradizionali arbereshe
Musica popolare in Calabria
Location cinematografiche calabresi e cineturismo in Calabria
Vini in Calabria
Località sciistiche calabresi
Rafting in Calabria nelle Gole del Raganello
Tradizioni Arbëreshe
I Bronzi di Riace
La riviera dei cedri
I Giganti della Sila
La Cipolla Rossa di Tropea
Paleariza festival
MobItaly: Turismo in Calabria
TD Group Italia S.r.l.
Citypost SpA Soluzioni per il mondo postale
Hotel La Principessa
Hotel Barbieri
Club Residence Capopiccolo
Hotel Eurolido